Con il colore le figure femminili acquistano in carica erotica e in impudicizia, esaltando forse la misoginia che per vari motivo ha accompagnato una parte della vita di Carlo Zara